Crisi? No grazie, evoluzione di mercato!

C’è la crisi, è un brutto periodo! La crisi ci sta divorando, tutta colpa dei politici, del vento, delle stelle e chi più ne ha più ne metta. Crisi, crisi, crisi… E basta con questa parola da poveri disperati. Ve lo scrivo subito: la crisi non esiste, esiste solo la crisi di neuroni abbandonati a se stessi. Oggi il mondo è cambiato, la tecnologia è avanzata, gli animali si sono evoluti e così anche il mercato non è più lo stesso. Se un giorno bastava avere un’idea ed aprire bottega per prosperare, oggi se a colazione non divori latte e marketing la tua azienda non andrà molto lontano. Se un giorno bastava portare a cena i propri clienti per concludere una buona vendita, oggi se la tua azienda non è leader nella percezione della sua testa non venderai un bel nulla.

Un’evoluzione del mercato e come in ogni evoluzione le vittime non mancano. Le persone si dividono in 2 gruppi: il primo gruppo è composto da persone di successo che reagiscono dando del loro meglio e creando situazioni a loro favorevoli; il secondo gruppo è composto da persone che si lasciano trasportare dal cambiamento in maniera negativa, si arrendono alla prima difficoltà indipendentemente dal loro titolo di studio o età.

>>Approfondimenti nell’articolo SUCCESSO VS INSUCCESSO <<

Proprio dal secondo gruppo di persone arrivano i canti popolari citati all’inizio di questo articolo e sarai d’accordo con me che le scatole si son rotte ormai da tempo. Ok Luca, ma come faccio per evitare di conoscere la signorina Crisi?

Ecco i segreti:

  • FORMAZIONE.  All’ingresso di un corso che ho frequentato di recente c’era un cartellone 2×2 che citava così: “O ti Formi o ti Fermi“. Aveva ragione. La formazione è importante non solo per mantenerci aggiornati e migliorare ciò che facciamo bensì per evitare errori costosi e per espandere la nostra visione. La formazione giusta può farci sognare, può formarci a fare la giusta azione. Non scegliere solo la formazione tecnica collegata alla tua attività primaria, rischieresti di trasformarti in uno schiavo del tuo talento. Spazia nei corsi su come vivere nell’abbondanza, acquista libri per migliorare la tua autostima e il tuo atteggiamento verso ogni cosa, segui videocorsi su come migliorare i processi da imprenditore ed automatizzare la tua azienda e partecipa a meeting quando si presentano nuove opportunità.

>> A proposito di opportunità, NETWORK CHE? SI MANGIA? <<

  • PIANIFICA. Pianifica la tua vita e soprattutto il tuo stile di vita. Pianificandolo scopri cosa vuoi e indovina un po’? Se sai ciò che vuoi le possibilità di averlo aumentano. Suddividi la tua pianificazione in più voci: benessere, relazioni, formazione, divertimento/relax e business. Crea una tabella con il tempo da dedicare ad ogni cosa e il relativo budget. Crea per ogni voce delle sottovoci importanti per pianificare nel dettaglio, ad esempio nella voce business non fate l’errore del 95% delle aziende: lasciare a zero la voce “Budget per il marketing
  • MONITORA. Dopo aver compreso l’importanza della formazione e del pianificare, ora è il momento di monitorare. L’analisi delle azioni che compiamo e delle reazioni del mondo che ci circonda è un processo fondamentale per non farsi sorprendere. Ad esempio monitorando la nostra azienda, gli obiettivi prefissati, i fatturati, il rientro dal budget investito in pubblicità, gli alti e bassi, la concorrenza e così via, ci permette di essere pronti ad intervenire se qualcosa non va. Monitorare infine è anche soddisfazione personale se le cose vanno bene: chi non guadagnerebbe autostima al raggiungimento di un obiettivo?

Commenti

commenti

Recent Posts