La zona di comfort nel nostro cervello

Uno dei primi concetti che devi assolutamente affrontare quando cominci il tuo percorso di crescita personale è la zona di comfort. Qual è la prima cosa che ti viene in mente? A me l’immagine di questo articolo: un uomo in pieno relax servito e riverito.

Proprio così, all’interno del nostro cervello c’è una zona comodissima e sicura dove risiedono abitudini e convinzioni create spesso dalle nostre esperienze di vita o dagli insegnamenti che abbiamo ricevuto.

>> A proposito di insegnamenti, dai una letta al Compito di Matematica <<

Vivere senza mai uscire da questa zona ci fa’ sentire sicuri poiché tutto ciò che accade è sotto il nostro controllo, lo conosciamo già. Ad esempio: molte persone non hanno successo nel mondo degli affari o non migliorano la propria vita perché hanno paura di fallire, paura di sbagliare, paura di uscire dalla loro zona di comfort. Restano attaccati alle loro abitudini e non fanno passi diversi per migliorare.

Uscire dalla zona di comfort può provocarci stress e non tutti sono pronti a sopportarlo. Seguire corsi di formazione, studiare libri e migliorare se stessi può essere fonte di stress soprattutto dopo aver imparato nozioni nuove e si vogliono mettere in pratica. Ci scontriamo con mille imprevisti, situazioni ancora nuove e diverse, finché non si arriva all’obiettivo. Quello che molte persone non sanno è che proprio dopo questa fase di stress/panico arrivano grandi benefici.

zonadicomfort2

 

Quindi, perché abbandonare la zona di comfort?

  • Limita la tua felicità. Chi si accontenterebbe di sopravvivere anziché vivere a pieno una vita fantastica? La zona di comfort limita ogni cosa, spesso anche quelle esperienze dalle forti emozioni.
  • Limita il tuo potenziale. Migliorare il nostro fisico andando in palestra, partecipare ad un corso per migliorare il nostro stato emotivo o rischiare per mettersi in gioco sono tutte situazioni difficili se non usciamo dal recinto creato dalle convinzioni e dalle abitudini. Fuori c’è un mondo fantastico ed è per questo che rimanere ignari di tutte le meraviglie non porterà i cambiamenti positivi che cerchiamo.

Se continui a fare quello che hai sempre fatto, continuerai ad ottenere ciò che hai sempre avuto. – Warren G. Bennis

La parola magica in questo caso è agire.

Agire per migliorare la propria vita. Per rimettersi sulla giusta strada può bastare veramente poco, dobbiamo solo volerlo. Cambiare piccole convinzioni e migliorare il proprio atteggiamento verso la vita farà di te una persona di successo in ogni settore.

Ecco alcuni dei miei consigli:

  • Ama te stesso e ciò che fai
  • Dedica tempo alla tua crescita interiore
  • Individua i limiti e le convinzioni errate per poterli migliorare nel tempo
  • Credi fortemente nei tuoi sogni e lotta per realizzarli
  • Vivi la tua vita e non quella degli altri
  • Segui la tua strada senza farti influenzare da nessuno
  • Cerca di introdurre nella sua vita solo abitudini positive
  • Assumiti la responsabilità della tua vita e delle situazioni attuali
  • Elimina le influenze negative
  • Dimostra gratitudine per tutto ciò che hai adesso
  • Apprezza le persone che ti stanno accanto e che ti amano
  • Accetta il passato così com’è, non puoi modificarlo
  • Non preoccuparti del futuro, vivi il presente
  • Coltiva un hobby che può darti piacere e soddisfazione
  • Dedicati con passione ed entusiasmo a tutte le tue attività
  • Cerca continuamente opportunità per migliorarti
  • Non aver paura di fare nuove esperienze
  • Cerca del positivo anche quando è poco visibile

 

E per finire concludo così: se vuoi di più, devi essere di più.

Commenti

commenti

Recent Posts